per l’Italia, mai come ora

0 Comments

Nei bookmakers adesso vanno molto di moda le scommesse politiche e la crisi politica ha fatto fiorire tantissime quote d’oro per l’Italia tra bookmakers ADM (italiani) ed esteri come 1bet. La scommessa politica con quote prevede una domanda posta dal bookmaker e delle risposte a cui il bookmakers pone dei punteggi, appunto le quote.

In genere più la quota è bassa e più la risposta è favorita. Per l’Italia in questi giorni è sorta la domanda se Mario Draghi verrà concessa la fiducia oppure no, una lista di nomi per i futuri ministeri che prevedono la Lamorgese ancora ministra degli Interni, Di Maio come Ministro degli Esteri e anche Giuseppe Conte per qualche ruolo istituzionale. Procediamo con ordine sulle notizie, perché condizionano molto anche le quote un po’ come succede nel calcio o altri sport.

Ansa: i bookmakers appoggiano Draghi

La nota agenzia di notizie ha scritto che su Mario Draghi è stata posta una quota di fiducia certa a 1,30 contro il no a 2,20. Una sorta di 1×2 senza pareggio, le consultazioni di oggi portano al favorire il sì perché l’unico no certo è quello di Giorgia Meloni.

Come sarà costruita la nuova squadra di Governo? L’Ansa aveva già scritto un elenco di nomi, il toto ministri comprendeva Daniele Franco, Luigi Federico Signorini, Daniele Scannapieco, Roberto Gualtieri per Economia.

Marta Cartabia, Paolo Severino per Giustizia. Ilaria Capua per Sanità, Lucia Lamorgese resta agli Interni e poi senza un incarico ancora previsto: Carlo Cottarelli e la rettrice della Sapienza, Antonella Polimeni.

Infine, un giro di nomi politici dei grandi partiti: Nicola Zingaretti, Giuseppe Conte, Luigi di Maio, Lorenzo Guerii, Dario Franceschini, Andrea Orando, Ettore Rosato o Maria Elena Boschi per IV perché Matteo Renzi disinteressato. Da Lega e FI Giancarlo Giorgetti e Antonio Tajani. Tutti nomi senza un’assegnazione ipotetica di ministeri e cariche.

Le quote dei nomi papabili nei ministeri

È Agipro ad aver elencato le quote poste dai bookmakers internazionali secondo oddsdealer.com. Abbiamo detto che sul via libera del Parlamento sono state poste due quote, sì 1,30 e no 2,20. Lunedì e martedì ci sarà il secondo giro di consultazione, questa volta per costruire la squadra di governo.

Il favorito per l’economia è Daniele Franco, direttore di Bankitalia quotato a 2,75. Nato a Trichiana nel 1953 è economista, banchiere e funzionario, nel 1 gennaio 2020 è in carica come Presidente dell’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni. Dal 2013 al 2019 è stato presidente della Ragioneria Generale dello Stato.

Nelle quote è seguito da Fabio Panetta a 3,90, è membro del Comitato esecutivo della Banca Centrale Europea. A questi nomi seguono il vicedirettore di Bankitalia, Luigi Federico Signorini a 4,20 e il vicepresidente della Banca Europea per gli investimenti Dario Scannapeco.

Luigi Cottarelli è definito in Agipro l’outsider, la quota è molto alta quindi poco favori: 6,80. Ma non è più alta dell’attuale ministro dell’Economia Roberto Gualtieri a 12,50. Ancora troviamo Vittorio Colao a 15,50, ha guidato la task force della ricostruzione post covid italiana nella Fase 2 in passato ha ricoperto ruolo di AD in RCS Media Group, Vodafone, Unilever.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *